Vai al menu di navigazione Vai al contenuto

le MagnificheEditrici, Edizioni d'Arte

GioCArte

Non c'è un unico modo di giocare, come non c'è un unico modo di tracciare un segno. Nasce da questi tanti modi l'idea di un libro che ha più vite. Il gioco è fonte di conoscenza attraverso i sensi e la partecipazione attiva, è la scoperta del mondo da parte di un bambino. Il gioco è libero di muoversi e così il libro si muove cambiando uso e da "libro d'artista" diventa manifesto, orologio, teatrino, tovaglietta, per poi ritornare libro. Il libro si fa e si disfa: dalla stampa calcografica su carta passa alla serigrafia, alla linoleumgrafia su tela e ancora all'acquaforte, per creare un nuovo dialogo tra le tecniche di stampa e i materiali, per mantenere il gioco che è movimento, curiosità e…

“se non giochi sei fritto!"